Stiamo ricevendo da tanti colleghi ispettori segnalazioni in merito alle problematiche che sta creando la pratica attuazione della tanto agognata regionalizzazione della complessiva gestione del corpo ispettivo (circ.141).
In effetti, i Direttori Regionali se la cantano e se la suonano un po' come vogliono, sfornando difformi provvedimenti a dir poco restrittivi, con atteggiamenti al limite della vessazione che potrebbero determinare una ingessatura dell’attività ispettiva. A questo punto occorre fare un po'di chiarezza. Diciamocela tutta, i primi ad aver digerito molto male questa regionalizzazione così come è stata concepita sono proprio i Direttori Regionali, proprio non la volevano.
Soprattutto non volevano che la gestione del

Nell’incontro dell’8 Novembre, l’Organismo Paritetico per l’Innovazione ha discusso il programma di Change Management, un percorso di ampio respiro che dovrebbe portare in Inps, nel medio periodo, ad una profonda trasformazione digitale e culturale. Attraverso l’ausilio di 18 video, la delegazione di parte datoriale ha presentato altrettanti progetti innestati nei quattro pilastri che reggono il percorso di cambiamento: sincerità, crescita professionale, semplicità di linguaggio e senso di sicurezza dei lavoratori.

Nel nostro intervento abbiamo sottolineato la necessità, in questa prima fase detta dello “scongelamento”, di riflettere su una serie di criticità poste a freno delle innovazioni e provenienti sia da agenti interni sia

Dopo una lunghissima latitanza, il 28 ottobre ed il 5 novembre scorsi, l’amministrazione ha convocato la RSU di direzione generale per affrontare problematiche ampiamente sollecitate dai rappresentanti dei lavoratori.

Oltre ai temi richiesti dai lavoratori, l’amministrazione ha deciso di riconvocare la RSU per spuntare una revisione dell’accordo sulla videosorveglianza risalente al 2012 al fine di inserire alcune, nuove, telecamere nel garage del plesso di via Ballarin.

In questo ambito, abbiamo fatto notare che la stratificazione dei dispositivi avvenuta dal 2012 e dal 2016 mai sanate dagli incontri di revisione previsti negli accordi precedenti che mai sono avvenuti, ha dato luogo alla proliferazione di telecamere situate negli

Il 3 settembre scorso titolavamo un nostro comunicato come quello di oggi. Non vogliamo ripetere che “ve l’avevamo detto” come ormai sta accadendo da mesi in tema di protocolli di sicurezza blandi ma sensibilizzare alle informazioni sulla pandemia che prima erano soltanto tendenziali ed oggi stanno apparendo chiare agli occhi di tutti.

Non eravamo Cassandre anzitempo ma buoni interpreti dei dati e dell’andamento globale della pandemia e facevamo richiamo al buon senso con una malattia insidiosa contro la quale le armi sembrano talora spuntate: durata limitata della copertura vaccinale, green pass arraffazzonato per un anno per non incorrere nella scadenza imminente per ampie categorie di lavoratori, tamponi a zig-zag

Abbiamo firmato il CCNI 2020 per il senso di responsabilità che ha sempre contraddistinto le nostre azioni ed evitare penalizzazioni economiche ai medici per il versamento di quanto dovuto per l’anno 2020.

Il documento definitivo presentato dall’Amministrazione era praticamente invariato rispetto a quello proposto in occasione della riunione dell’8 u.s. e verso il quale avevamo espresso tutte le nostre perplessità e piena contrarietà in relazione alla dichiarazione congiunta riportata a

Raccogliendo le sollecitazioni del nuovo capo dell'INL dott. Bruno Giordano, il Governo ha modificato l'art. 13 del D.L 81 trasferendo in capo agli ispettori dell'INL, quindi anche di Inps e Inail, le competenze in merito ai controlli e le verifiche in materia di Sicurezza sui luoghi di lavoro che ad oggi erano di esclusiva competenza delle ASL e di altri organismi specializzati.

Da quando ha ricevuto questo incarico, il dott. Giordano ci fa dono quotidiano delle sue esternazioni.

Certo di