CGIL CISL UIL CISAL: "Soddisfazione per il via libera al salvataggio delle retribuzioni, ma dobbiamo continuare a mantenere alta l’attenzione per il futuro."

Come è noto, la Ragioneria Generale dello Stato bocciava il piano contenente le misure di riduzione della spesa varato dall’Istituto.

L’immediata e decisa risposta di tutte le lavoratrici e di tutti i lavoratori dell'Inps nell’ambito del percorso di mobilitazione indetto da CGIL CISL UIL e CISAL, ha fatto sì che, nel corso della giornata di ieri, una nostra delegazione fosse ricevuta dal vice capo di gabinetto del Ministero durante il presidio di fronte al M.E.F.

Nel corso dell’incontro abbiamo con forza ribadito come l’eventuale taglio dei “progetti speciali”, oltre a determinare

La determinazione dimostrata dalle lavoratrici e dai lavoratori dell’INPS, nel percorso di mobilitazione intrapreso da CGIL, CISL, UIL e CISAL, ha prodotto il risultato da tutti auspicato:

 LA TUTELA DEL FONDO PER LA PRODUTTIVITA’

 E LA DIFESA DEL WELFARE

Oggi i vertici del MEF si sono ufficialmente impegnati, nel corso dell’incontro avuto con le scriventi OO.SS., a risolvere il problema determinatosi a seguito della bocciatura, da parte della Ragioneria generale dello Stato, della seconda nota di variazione al bilancio dell’INPS.

 

Ciò consentirebbe, per quest’anno, di mettere in sicurezza il fondo di Ente.

Ci aspettiamo che gli impegni vengano mantenuti e seguiremo la vicenda nei prossimi giorni per darne puntuale informazione

ANCORA NESSUNA RISPOSTA … Mancano ormai solo due settimane alla scadenza del termine entro il quale l’INPS, come previsto dalla legge di stabilità, dovrà versare 240 milioni di euro nelle casse dello Stato. Con il rischio che parte di tali risorse vengano reperite mettendo LE MANI NELLE TASCHE DEI LAVORATORI E TAGLIANDO I SERVIZI AI CITTADINI. 

 NON ABBASSIAMO LA GUARDIA

LA MOBILITAZIONE CONTINUA

MENTRE SU TUTTO IL TERRITORIO NAZIONALE PROSEGUONO LE INIZIATIVE A LIVELLO LOCALE

DOMANI 16 OTTOBRE 2013

PRESIDIO DELLE LAVORATRICI

E DEI LAVORATORI

DI ROMA E DEL LAZIO DAVANTI AL M.E.F.

IN VIA XX SETTEMBRE 97

F.P.CGIL/INPS

   (Ciarrocchi)

CISL-FP/INPS

     (Nardella)

Grande risposta delle lavoratrici e dei lavoratori dell’INPS in occasione dell’odierno Presidio indetto da CGIL, CISL, UIL e CISAL presso il Ministero del Lavoro.

Una nuova tappa del percorso di mobilitazione iniziato la scorsa settimana in tutte le Sedi dell’INPS, sul territorio come in Direzione Generale, proseguito tra i cittadini e gli utenti e che da oggi si sposta sotto le Sedi dei Ministeri Vigilanti.

Centinaia i lavoratori presenti. Ai tanti lavoratori delle Sedi dell’Area Metropolitana di Roma e del Lazio si sono aggiunte anche delegazioni di lavoratori provenienti dal territorio.

Una Delegazione CGIL, CISL, UIL e CISAL è stata ricevuta dal Direttore Generale del Ministero del Lavoro settore previdenza.

 Nel corso

CGIL CISL UIL CISAL: "CONTINUIAMO INSIEME A MANIFESTARE IN MANIERA FORTE E DECISA IL NOSTRO DISSENSO AI CONTINUI ATTACCHI ALL'INPS E AI SERVIZI EROGATI"

APPUNTAMENTO ALLE ORE 10 SOTTO LE FINESTRE DEL MINISTERO DEL LAVORO IN VIA FLAVIA 6 PER ASSEMPBLEA ESTERNA INTERA GIORNATA.

PARTECIPARE UNITI E' LA PIU' GRANDE DIMOSTRAZIONE DELLA NOSTRA VOLONTA' DI DIFENDERE QUEI VALORI CHE OGNI GIORNO DIMOSTRIAMO CON IL NOSTRO LAVORO AL SERVIZIO DEI CITTADINI.

E' IMPORTANTE LA PRESENZA DI TUTTI NOI SOTTO

Come un’onda in piena, in occasione delle assemblee-presidio del 4 ottobre scorso, le lavoratrici ed i lavoratori dell’INPS hanno sommerso, a fianco di CGIL, CISL, UIL e CISAL, tutte le Sedi dell’Istituto, per respingere con fermezza il nuovo e duro attacco alle retribuzioni e al welfare del Paese.

In tutte le province, sull’intero territorio nazionale, i lavoratori dell’INPS hanno ribadito un secco:

 

NO AL TAGLIO DELLE RETRIBUZIONI NO AL TAGLIO DEI SERVIZI

NO AL SALARIO ACCESSORIO COME