Stampa

NOTIZIE DAL TAVOLO REGIONALE

L’ultima riunione regionale si è aperta con la protesta della UILPA contro l’inaudita proposta di licenziamento senza preavviso indirizzata, nei giorni scorsi, ad un responsabile di linea per 1 (uno) errore. La UILPA ha chiesto il ritiro immediato della proposta di sanzione.

Anziché associarsi alla ferma posizione UILPA contro l’ipotesi di licenziamento di un lavoratore per un errore compiuto in buona fede, le altre OO.SS. “confederali” hanno preferito protestare per le modalità di nomina del responsabile dell’Agenzia di Guidonia-Tivoli. Evidentemente, la selezione dei responsabili ha, per certi sindacati regionali, la prevalenza su tutto, anche sulle incredibili minacce di licenziamento che stanno pesantemente minando la serenità nei luoghi di lavoro!

Questi gli altri importanti argomenti trattati nella riunione:

POSIZIONI ORGANIZZATIVE: va avanti come un “frecciarossa” la dottoressa Petrotta che, tra ricollocamenti, interpelli e bandi, sta costruendo egregiamente il tessuto connettivo dell’Istituto nel Lazio integrato. Ci sono spazi per tutti, non a caso la UILPA ha concordato col direttore regionale il ricorso alle clonazioni dei processi più complessi.

Esempi ce ne sono dappertutto, da Roma a Frosinone a Latina, si sono formati processi (Pensioni della gestione pubblica) anche con 50-60 addetti. E ancora, processi di altissima complessità quali Credito e welfare, il Recupero crediti dopo la fusione col Soggetto contribuente, certe Prestazioni a sostegno
del reddito, ecc.

INTEGRAZIONE DELL’AREA METROPOLITANA DI ROMA: ci vuole ancora un po’ di pazienza, con la chiusura definitiva di ROMA 1, ROMA 2 , ROMA 3 e ROMA 4, si ridefiniscono i confini delle filiali con relativo aggiornamento del “metaprocesso” e, dunque, il funzionamento a regime delle nuovissime Filiali TUSCOLANO e MONTESACRO è previsto dal 21 novembre prossimo. Nel frattempo, in tutte le Filiali integrate, i buoni mensa dei lavoratori exINPDAP vengono distribuiti attraverso un elenco manuale a carico del direttore di filiale.

A regime da subito, invece, la nuovissima Agenzia complessa GUIDONIA-TIVOLI, salvo l’area Aziende con dipendenti, che decollerà da febbraio 2015.

COMPENSI INCENTIVANTI IN PAGAMENTO A NOVEMBRE 2014: l’accordo che la UILPA INPS, insieme a CISL e CGIL, ha definito con la Direzione centrale PPC, alla faccia degli uccelli del malaugurio, stabilito che anche il 2014 è stato un anno di integrazione pesante, consente l’erogazione in tutte le strutture degli incentivi di produttività (III° trimestre) e di qualità (acconto intero anno 2014) in misura adeguata ai grandissimi sforzi sostenuti dal personale.

Quota 95 minima per tutte le sedi, altre a 100 e 110, con un importo medio procapite che sfiora i 2.000 euro lordi. L’ennesimo grande risultato della politica nazionale unitaria di CGIL CISL UILPA!!!

Importantissimi argomenti anche tra le VARIE, tutti posti dalla UILPA:

RICHIESTA DI RIAPERTURA DEI BAR-MENSA nelle grandi strutture di Roma e del Lazio che ne sono state private. La UILPA ha chiesto la riapertura delle strutture di ristoro a MONTESACRO, a FROSINONE, all’AMBA ARADAM ed ha chiesto lo studio di fattibilità per l’apertura di bar-mensa da TUSCOLANO a POMEZIA a MONTEVERDE, ecc. e, perché no, anche a CIVITAVECCHIA e a CASSINO. La UILPA ha detto basta ai lavori di ristrutturazione nelle sedi senza la previsione di bar-mensa!!

AREE PROFESSIONALI, MEDICI, LEGALI: abbiamo chiesto alla dottoressa Petrotta di dare soluzione, al più presto, alla riorganizzazione delle aree professionali a Roma. La risposta del direttore regionale per il Lazio è stata positiva: superati i tanti ostacoli, sarà presto trasferito a via Beccaria l’Ufficio Legale distrettuale di Roma, con ovvie garanzie per il personale amministrativo, che potrà optare di restare in via dell’Amba Aradam. Per quanto riguarda la riorganizzazione delle U.O.C. romane, la dottoressa Petrotta si è impegnata a tenere uno specifico incontro sindacale, subito dopo l’imminente summit che avrà con il Coordinatore generale medico-legale, dottor Piccioni.

LATINA: è una vergogna la gazzarra che una sparuta minoranza alimenta da qualche tempo a Latina, nella speranza di destabilizzare la direzione provinciale di una sede che, all’incentivo di novembre, ottiene il 100 e sarà probabilmente pagata 110!! E’, soprattutto, una vergogna che sigle “confederali” si prestino ad alimentare fuochi di paglia, destinati ad essere sepolti dalla serietà della stragrande maggioranza del personale INPS di Latina.

Roma, 17 novembre 2014.                      

IL COORDINATORE REGIONALE

Tonino Alberini