Riceviamo da settimane segnalazioni da tutte le sedi riguardo malfunzionamenti generalizzati delle procedure informatiche che rendono praticamente impossibile erogare servizi agli sportelli.

Premesso che gli aggiornamenti delle procedure avvengono in misura meno frequente di quanto non sia rapidamente degradato il livello di servizio dei sistemi informatici, non crediamo che il blocco generalizzato di questi ultimi giorni sia da ascriversi a questa o a quella procedura che, accidentalmente, pare rallentare il lavoro di tutte o a errate configurazioni nelle postazioni di lavoro di tutta Italia.

Riteniamo, invece, che il problema abbia radici lontane, da cercare nella poco accorta pianificazione della crescita dei sistemi informatici

Ennesima riorganizzazione......l’amministrazione ci ha convocato il 29 c.m. per illustrarci il piano anticorruzione che intende adottare, presentando un’informativa ridotta ai minimi termini, che lascia fuori misure organizzative basilari contenute nella Delibera 831 dell’8/2016. (delibera definitiva del piano anticorruzione 2016).

Nel nuovo PNA la rotazione del personale tutto è considerata misura organizzativa preventiva,finalizzata a limitare il consolidarsi di relazioni improprie ed inadeguate nella gestione amministrativa, conseguenti alla permanenza nel tempo di determinati dipendenti nel medesimo ruolo o funzione.

Nulla... oppure troppo poco.... viene detto in merito alla rotazione come criterio organizzativo che può contribuire

Dopo la riuscitissima manifestazione degli ispettori di vigilanza INPS, tenuta lo scorso 11 gennaio davanti alla Direzione generale in Via Ciro il Grane N. 21, a distanza di una settimana nessuno avrebbe scommesso sulla convocazione di un nuovo presidio, questa volta davanti alla sede degli uffici del Capo dell’Ispettorato Nazionale del Lavoro, in Via Fornovo N. 8 a Roma.

E invece la mobilitazione non solo è riuscita, anche se ovviamente con numeri ridotti rispetto alla precedente assemblea, ma ha messo insieme ispettori di vigilanza dell’INPS e dell’INAIL e ispettori del lavoro dell’INL in un unico fronte di lotta. Le lavoratrici e i lavoratori intervenuti hanno compreso bene l’importanza della posta in gioco e la necessità di avere un

19 GENNAIO ASSEMBLEA NAZIONALE IN VIA FORNOVO N. 8 A ROMA

ASSEMBLEE REGIONALI IN TUTTE LE REGIONI

In preparazione dell’assemblea nazionale dell’11 gennaio scorso, chiesta dagli ispettori di vigilanza dell’INPS, era stato rivolto un appello a tutte le organizzazioni sindacali per costruire un appuntamento unitario. A rispondere positivamente all’appello dei lavoratori sono stati UIL, USB e CISAL, mentre CISL e CGIL si sono smarcati da quell’appuntamento giudicandolo una fuga in avanti e riponendo le proprie aspettative nell’incontro con l’Amministrazione previsto nel pomeriggio dello stesso 11 gennaio.

L’assemblea degli ispettori di vigilanza si è conclusa con la proposta di alcune forme di protesta e con l’appello alle altre

Incassato il diniego all’utilizzo della Sala Mancini, messa a reddito dall’Amministrazione e incomprensibilmente non concessa per le assemblee sindacali, una marea di ispettori di vigilanza dell’INPS si è riversata sotto il portico di Via Ciro il Grande, davanti all’ingresso principale della Direzione generale dell’INPS.

Negli interventi, si è registrata l’amarezza dei lavoratori nell’avvertire un abbandono da parte dell’Amministrazione per una funzione socialmente strategica a tutela della

Carissimo Tonino,

aspettavo da qualche settimana le tue dimissioni dalla Uilpa, quindi tutto posso essere, tranne che sorpreso dalla tua decisione. Ti conosco dal 1999 e sono vent’anni che faccio fatica a comprendere certe tue prese di posizione, come quella per cui un pensionato quale tu sei, debba pretendere di continuare l’attività con incarichi congressuali, pur senza poter partecipare ai congressi di categoria.

Nonostante tutto, ed io ne sono buon testimone, ti era stato chiesto di